VZArchitetti

BIM

In questa sezione vogliamo farvi vedere in cosa consiste la nostra attività di bim service che svolgiamo quotidianamente in collaborazione e a supporto di altri progettisti, utilizzando il software bim Archicad della Graphisoft.
Le zone di intervento sono principalmente nelle province di Modena, Reggio Emilia e Parma, ma le tecnologie contemporanee hanno abbattuto letteralmente le distenze, specialmente in questo campo!
Anche tutti gli altri interventi che trovate nella sezione architettura del sito sono progetti bim che abbiamo sviluppato da 10 anni a questa parte.



Esempi di lavori realizzati

Progetto di parcheggio ipogeo pluripiano con strutture di servizio in via Kennedy a Parma

Periodo di progettazione e realizzazione:2010-2013

Progettista architettonico: Arch. Carlo Quintelli

Bim e grafica: Arch. Enrico Valenti

Aule universitarie in via Kennedy (PR)

Lottizzazione e realizzazione di tre residenze monofamiliare a Sant'Ilario Emilia(RE)

Periodo di progettazione e realizzazione:2018-2020

Progettista architettonico: Arch. Elena Reggiani

Progettista strutturale: Ing. Fabio Rizzi

Bim e grafica: Arch. Enrico Valenti

Progetto di consolidamento strutturale di edificio rurale a Correggio (RE)

Periodo di progettazione e realizzazione:2016-2019

Progettista strutturale: Ing. Fabio Rizzi

Bim e grafica: Arch. Enrico Valenti

Progetto ampliamento del Teatro Due a Parma con annesse strutture di servizio (Residence e ristorante)

Periodo di progettazione e realizzazione:2008-2012

Progettista architettonico: Arch. Mariangela Valesi

Bim e grafica: Arch. Enrico Valenti

Arena Estiva Teatro Due (PR)

Progetto di edificio residenziale con tre unità abitative

Periodo di progettazione e realizzazione:2017-2019

Progettista architettonico e strutturale: Ing. Fabio Rizzi

Bim e grafica: Arch. Enrico Valenti

Nuova sede NSC a Modena

Periodo di progettazione e realizzazione:2017-2018

Progettisti architettonici: Arch. Enrico Valenti e Arch. Alice Zanotti

Bim e grafica: Arch. Enrico Valenti

nuova sede NSC

Oggetto parametrico "Travetto in latero-cemento" scritto in GDL per Archicad

Programmazione: Arch. Enrico Valenti

Il processo BIM

Il Building Information Modelling (BIM) o Modeling che dir si voglia, si prefigge il fine di ottimizzare il processo progettuale edilizio, mediante la creazione di un ambiente virtuale in cui tutti i dati vengono "accumulati" in un'unica struttura (database), da cui i progettisti dei vari ambiti possono attingere le informazioni di cui necessitano per raggiungere il grado di dettaglio necessario alla realizzazione dell'opera, riducendo sensibilmente incognite ed incongruenze legate al tradizionale processo progettuale.

La riduzione di tempo nella gestione è sensibile, i margini di errore sono minimi e i costi di realizzazione sono stimati da fonti ufficiali essere del 5-6%(media a livello europea) inferiori a quelli di lavori eseguiti sulla base di progettazioni ordinarie.

La normativa italiana recepisce quella europea e da aprile 2016 (Nuovo Codice degli Appalti) introduce i mezzi di progettazione BIM nelle gare di appalti pubblici, auspicandone il loro utilizzo, per arrivare all'obbligatorietà nel giro di qualche anno. Ovviamente le diverse Pubbliche Amministrazioni si stanno già attrezzando in questo senso attribuendo, in fase di gara, punteggi maggiori a coloro che presentano offerte elaborate con processi di Building Information Modelling.

Le fasi del BIM

Fase 0

Le figure tecniche che concorrono al progetto si siedono ad un tavolo per definire gli standard (anche tecnici ed organizzativi) e gli obiettivi che il processo BIM deve portare a compimento, rendendo esplicite le proprie esigenze ed accettando di essere parte di un unico team.

Fase 1

L’architetto inizia ad elaborare l’idea di progetto mentre il BIM Manager, che può coincidire o meno con una delle figure progettuali, avvia il procedimento organizzando la struttura del BIM a cui i tecnici attingeranno.

Fase 1

Il BIM Manager crea una connessione tra il BIM e gli output di tipo informatico (modelli per l’estrazione di dati specifici).

Questa operazione verrà implementata nel corso della progettazione per rispondere alle esigenze delle figure che mano a mano interverranno.

Fase 1

Il BIM Manager crea una connessione tra il BIM e gli output di grafico (templates grafici standard).

Fase 2

La collaborazione tra BIM manager, BIM Specialist e architetto progettista, porta alla realizzazione degli elaborati di presentazione del concept e progetto preliminare.

Fase 2

Il BIM fornisce il modello 3D per l’elaborazione di rendering e video utili alla presentazione.

Fase 2

Le elaborazioni grafiche rappresentano la base per una prima presentazione del progetto.

Fase 2

Il BIM fornisce il modello 3D per l’eventuale stampa 3D da presentare durante la presentazione o come modello di verifica da parte dell’architetto.

Fase 2

Il BIM fornisce i primi dati quantitativi per fare un’indagine preliminare e parametrica dei costi: volumi, superficie calpestabile, metri cubi di pareti ecc...

In questa fase il BIM permette di fare delle indagini comparative tra soluzioni differenti in modo rapido e preciso.

Fase 3

Il BIMfornisce agli strutturisti i dati geometrici per la modellazione dell’opera.

Fase 3

Contemporaneamente agli strutturisti, i termotecnici e gli impiantisti, attingono dal BIM i dati geometrici per le analisi energetiche.

Fase 3

Tutti i progettisti interagiscono in modo cospicuo con il modello BIM, caricando nel modello generale tutte le caratteristiche fisiche dei materiali ed i risultati delle loro analisi e progettazioni.

Lavorando tutti contemporaneamente sullo stesso oggetto si è costantemente connessi al lavoro degli altri, con la possibilità di verificare le interferenze tra il proprio ambito progettuale e quello degli altri.

Fase 3

Il BIM fornisce gli elaborati grafici tecnici e di dettaglio specifici per ogni disciplina, integrata con le altre.

Fase 3

Nel caso in cui non tutti i progettisti siano in grado di interagire in modo diretto col modello, è necessario l’intervento degli operatori BIM che implementano il modello coi dati delle diverse progettazioni e verificano le interferenze ed incongruenze tra le diverse progettazioni (Model checking).

Fase 4

Il BIM Manager organizza l’output delle quantità da trasmettere ai computisti i quali selezionano le voci di computo connettendole alle stesse in modo da avere resoconti dinamici durante la progressione di lavori.

Fase 5

Ogni oggetto che costituisce il BIM viene implementato con attributi specifici come la data di realizzazione in modo da poter esportare e connettere i dati per la redazione di un cronoprogramma dinamico per poter controllare tempi e interferenze delle lavorazioni, prima e durante la realizzazione delle opere.

Fase 6

I progettisti e gli operatori BIM mantengono aggiornato il modello in fase di esecuzione dei lavori in modo che l’appaltatore possa avere a disposizione elaborati costantemente aggiornati e ragionati.

L’"as built" così ottenuto sarà la base per implementare ulteriormente il modello con i dati relativi alla gestione e manutenzione dell’immobile (o infrastruttura) durante il suo ciclo di vita.

Torna a inizio pagina

VZArchitetti:

architetto Enrico Valenti - via Togliatti, 15 - 43035 - Felino ( Parma )

architetto Alice Zanotti - via Crespellani , 79 - 41121 - Modena